Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net
Neurologia
OncologiaMedica.net

L’aumento di peso della madre durante la gravidanza è associato a un maggior rischio di malattia cerebrovascolare nella prole


L’aumento di peso della madre durante la gravidanza superiore a 0.9 kg a settimana è associato a un aumentato rischio di malattie cerebrovascolari nella prole adulta, ma non è correlato a un aumento del rischio di mortalità per qualsiasi causa o a malattia cardiovascolare.

Sono stati valutati 3.781 soggetti iscritti nel database ACONF, che rappresentano un gruppo basato sulla popolazione di adulti nati tra il 1950 e il 1956 ad Aberdeen, in Scozia.

Utilizzando l’aumento di peso gestazionale materno come esposizione di interesse, i ricercatori hanno valutato tre outcome nella prole: mortalità per tutte le cause; qualsiasi ospedalizzazione o morte per malattie cardiovascolari; e qualsiasi ospedalizzazione o morte per malattia cerebrovascolare.

I ricercatori hanno stimato l’hazard ratio ( HR ) per eventi cardiovascolari e di morte nella prole sulla base di un aumento del peso gestazionale della madre.

I ricercatori hanno scoperto che, tra la progenie, 103 ( 2.7% ) soggetti erano deceduti, 169 ( 4.5%) hanno sofferto di almeno un evento cardiovascolare e 73 ( 1.9% ) era stato ricoverato in ospedale o morto per malattie cerebrovascolari.

Le cause più frequenti di decesso erano neoplasie ( 31.5% ), malattie del sistema circolatorio ( 26% ), malattie dell'apparato digerente ( 10% ), malattie metaboliche ( 8.3% ) e lesioni / traumi ( 6.2% ).

La prole che è deceduta aveva più probabilità di avere madri con un alto indice di massa corporea ( BMI ) durante la gravidanza ( media, 23.64 kg/m2 versus 22.85 kg/m2; P = 0.01 ).

In età adulta, i membri della coorte che sono morti avevano una maggiore probabilità di appartenere a un gruppo di basso stato socio-economico ( P per trend = 0.03 ), di essere fumatori correnti ( 54.4% vs 24.3%; P inferiore a 0.01 ) e di soffrire di diabete mellito ( 4.9% vs 1.7%; p inferiore a 0.01 ).

Rispetto alla progenie che non è incorsa in un evento cardiovascolare, quelli, in età adulta, che hanno sofferto di una malattia cardiovascolare avevano maggiore probabilità di essere uomini ( 64.5% vs 47%; p inferiore a 0.01 ), avevano basso stato socio-economico ( P per la tendenza inferiore a 0.01 ), avevano un più alto indice di massa corporea ( P per la tendenza inferiore a 0.01 ) e soffrivano di diabete mellito ( 7.7% vs 1.5%; p inferiore a 0.01 ).

Tra la progenie che ha presentato eventi cerebrovascolari, è emersa una maggiore probabilità ad avere madri con più alto indice di massa corporea in gravidanza ( media, 23.66 kg/m2 versus 22.86 kg/m2; P=0.03 ).
Questi individui avevano anche maggiore probabilità da adulti di essere fumatori correnti ( 57.5% vs 24.5%; P inferiore a 0.01 ) e di avere diabete mellito ( 8.2% vs 1.6%; p inferiore a 0.01 ).
L’aumento di peso materno di 1 kg a settimana o più è risultato correlato a elevato rischio di evento cerebrovascolare nella prole ( hazard ratio aggiustato, aHR = 2.7; IC 95%, 1.19-6.12 ).

Nessuna associazione è stata trovata tra aumento di peso gestazionale e mortalità per qualsiasi causa o evento cardiovascolare nella prole.

Questo studio di coorte su ampia scala ha dimostrato che i fattori di salute e di stile di vita da adulti, e non i fattori di rischio nella fase precoce di vita, svolgono un ruolo più importante nel determinare la mortalità e la morbilità cardiovascolare.
La modifica di questi fattori di rischio ( obesità, fumo e diabete ) costituirebbe una strategia preventiva efficace, a prescindere dai fattori di rischio nei primi anni di vita. ( Xagena2016 )

Fonte: Heart, 2016

Endo2016 Cardio2016 Gyne2016 Pedia2016



Indietro