Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Associazione della chirurgia metabolica con esiti cardiovascolari avversi maggiori nei pazienti con precedente infarto miocardico e grave obesità


Il numero di pazienti con infarto miocardico e obesità grave è in aumento e mancano evidenze di come questi pazienti dovrebbero essere trattati.
È stata esaminata l'associazione tra chirurgia metabolica ( bypass gastrico Roux-en-Y e gastrectomia a manica ) ed eventi cardiovascolari avversi maggiori nei pazienti con precedente infarto miocardico e grave obesità.

Dei 566 pazienti con precedente infarto miocardico registrati nel registro SWEDEHEART ( Swedish Web-System for Enhancement and Development of Evidence-Based Care in Heart Disease Evaluated According to Recommended Therapies ) sottoposti a chirurgia metabolica e registrati nello Scandinavian Obesity Surgery Registry, 509 pazienti ( bypass gastrico Roux-en-Y n=465; gastrectomia a manica n=44 ) sono stati abbinati a un controllo con infarto miocardico da SWEDEHEART, ma nessun successivo intervento chirurgico metabolico per quanto riguarda sesso, età, anno di infarto del miocardio e indice di massa corporea [ BMI ].

I due gruppi erano ben abbinati, ad eccezione di una percentuale inferiore di frazione di eiezione ridotta dopo infarto miocardico ( 7% vs 12% ), precedente insufficienza cardiaca ( 10% vs 19% ), fibrillazione atriale ( 6% vs 10% ) e malattia polmonare ostruttiva cronica [ BPCO ] ( 4% vs 7% ) nei pazienti sottoposti a chirurgia metabolica.

Il tempo di follow-up mediano è stato di 4.6 anni. La probabilità cumulativa a 8 anni di eventi cardiovascolari avversi maggiori è stata inferiore nei pazienti sottoposti a chirurgia metabolica ( 18.7% vs 36.2%, hazard ratio aggiustato, aHR=0.44 ).

I pazienti sottoposti a chirurgia metabolica hanno avuto anche un minore rischio di morte ( aHR=0.45; infarto miocardico, 0.24 ) e insufficienza cardiaca di nuova insorgenza, ma non ci sono state differenze significative per quanto riguarda l'ictus ( 0.91 ) e la fibrillazione atriale di nuova insorgenza ( 0.56 ).

Nei pazienti gravemente obesi con precedente infarto miocardico, la chirurgia metabolica è associata a un basso rischio di gravi complicanze, un minore rischio di eventi cardiovascolari avversi maggiori, morte, nuovo infarto miocardico e insufficienza cardiaca di nuova insorgenza.
Questi risultati devono essere confermati in uno studio randomizzato e controllato. ( Xagena2021 )

Näslund E et al, Circulation 2021; 143: 1458-1467

Cardio2021 Endo2021 Chiru2021



Indietro