Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Farmaexplorer.it

Associazione di chirurgia bariatrica utilizzando bendaggio laparoscopico, bypass gastrico Roux-en-Y o gastrectomia a manica per via laparoscopica versus gestione dell'obesità usuale con mortalità per tutte le cause


La chirurgia bariatrica è un approccio efficace e sicuro per la perdita di peso e il miglioramento a breve termine dei disturbi metabolici come il diabete.
Tuttavia, gli studi sono stati limitati nella maggior parte dei casi dalla mancanza di un gruppo non-chirurgico, dalle perdite al follow-up, dai dati mancanti e dalle piccole dimensioni dei campioni negli studi clinici e negli studi osservazionali.

È stata valutata l'associazione di tre tipi comuni di chirurgia bariatrica rispetto al trattamento non-chirurgico con mortalità e altri esiti clinici tra pazienti obesi in uno studio di coorte retrospettivo in un grande Fondo sanitario integrato israeliano che copriva il 54% dei cittadini israeliani con meno dell’1% di turnover dei membri ogni anno.

I pazienti adulti obesi sottoposti a chirurgia bariatrica tra il 2005 e il 2014 sono stati selezionati e confrontati con pazienti obesi non-chirurgici abbinati per età, sesso, indice di massa corporea ( BMI ) e diabete mellito, con follow-up finale nel 2015.
In questo studio sono stati inclusi 33.540 pazienti.

I pazienti sono stati esposti a chirurgia bariatrica ( bendaggio laparoscopico, bypass gastrico Roux-en-Y [ RYGB ] o gastrectomia a manica per via laparoscopica ) o a gestione usuale dell'obesità da sola ( fornita da un medico di base e che poteva includere consulenza dietetica e modificazione del comportamento ).

L'esito primario era la mortalità per tutte le cause, adattata e corretta per indice BMI prima dell'intervento chirurgico, età, sesso, stato socioeconomico, diabete, iperlipidemia, ipertensione, malattie cardiovascolari e fumo.

La popolazione dello studio comprendeva 8.385 pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica ( età media, 46 anni; 5.490, 65.5% donne, indice BMI mediano basale, 40.6; bendaggio laparoscopico n=3.635, bypass gastrico n=1.388, gastrectomia a manica per via laparoscopica n=3.362 ) e 25.155 pazienti non-chirurgici abbinati ( età media, 46 anni; 16.470, 65.5%, donne; indice BMI mediano basale, 40.5 ).

La disponibilità di dati di follow-up è stata del 100% per la mortalità per tutte le cause: 105 decessi ( 1.3% ) tra i pazienti chirurgici durante un follow-up mediano di 4.3 anni ( compresi 61, 1.7%, sottoposti a bendaggio laparoscopico, 18, 1.3%, a bypass gastrico e 26, 0.8%, a gastrectomia a manica ) e 583 decessi ( 2.3% ) tra i pazienti non-chirurgici durante un follow-up mediano di 4.0 anni.
La differenza assoluta era 2.51 decessi in meno per 1.000 anni-persona nel gruppo chirurgico versus non-chirurgico.

Gli hazard ratio ( HR ) corretti per la mortalità tra i pazienti non-chirurgici versus quelli chirurgici erano 2.02 per l'intera popolazione dello studio; per tipo di chirurgia: HR 2.01 per bendaggio laparoscopico, 2.65 per bypass gastrico e 1.60 per gastrectomia a manica per via laparoscopica.

In conclusione, tra i pazienti obesi in un grande Fondo sanitario integrato in Israele, la chirurgia bariatrica con bendaggio laparoscopico, bypass gastrico o gastrectomia a manica per via laparoscopica, confrontata con la normale terapia non-chirurgica dell’obesità, è risultata associata a una mortalità per qualsiasi causa inferiore a un follow-up mediano di circa 4.5 anni.
L'evidenza di questa associazione si aggiunge alla limitata letteratura che descrive gli esiti benefici di questi tre tipi di chirurgia bariatrica rispetto alla sola gestione abituale dell'obesità. ( Xagena2018 )

Reges O et al, JAMA 2018; 319: 279-290

Endo2018 Chiru2018



Indietro