Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Associazione tra indice di massa corporea ed età con morbilità e mortalità nei pazienti ospedalizzati con COVID-19


L'obesità può contribuire a esiti avversi nella malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ). Tuttavia, mancano studi su popolazioni di pazienti ampie e ampiamente generalizzabili e l'effetto dell'indice di massa corporea ( BMI ) sugli esiti di COVID-19, in particolare nei giovani adulti, rimane incerto.

Sono stati analizzati i dati dei pazienti ricoverati con COVID-19 in 88 ospedali statunitensi arruolati nell’American Heart Association’s COVID-19 Cardiovascular Disease Registry con raccolta dei dati fino al 22 luglio 2020.
L'indice BMI è stato stratificato per classe di obesità secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ), con peso normale prespecificato come gruppo di riferimento.

L'obesità, e, in particolare, l'obesità di classe III, era sovrarappresentata nel Registro rispetto alla popolazione statunitense, con le maggiori differenze tra gli adulti di età inferiore o uguale a 50 anni.
Tra 7.606 pazienti, la morte in ospedale o la ventilazione meccanica si è verificata in 2.109 ( 27.7% ), la morte in ospedale in 1.302 ( 17.1% ) e la ventilazione meccanica in 1.602 ( 21.1% ).

Dopo aggiustamento multivariabile, le classi di obesità da I a III sono state associate a rischi più elevati di morte in ospedale o ventilazione meccanica ( odds ratio, OR=1.28, 1.57, 1.80, rispettivamente ) e l'obesità di classe III è stata associata a un rischio più elevato di morte in ospedale ( hazard ratio, HR=1.26 ).

Gli individui in sovrappeso e obesi di classe da I a III erano a maggior rischio di ventilazione meccanica ( OR, 1.28, 1.54, 1.88 e 2.08, rispettivamente ).

Sono state osservate interazioni significative dell'indice BMI per età per tutti gli endpoint primari ( P per interazione minore di 0.05 per ciascuno ), tali che che l'associazione dell'indice BMI con la morte o la ventilazione meccanica è risultata più forte negli adulti di età inferiore o uguale a 50 anni, intermedia negli adulti da 51 a 70 anni e più debole negli adulti di ètà superiore a 70 anni.

L'obesità grave ( indice BMI maggiore o uguale a 40 kg/m2 ) è stata associata a un aumento del rischio di morte in ospedale solo nei pazienti di età inferiore o uguale a 50 anni ( HR=1.36 ).

Nelle analisi aggiustate, un indice BMI più elevato è risultato associato all'inizio della dialisi e al tromboembolismo venoso, ma non a eventi cardiaci avversi maggiori.

I pazienti obesi hanno maggiori probabilità di essere ricoverati in ospedale con COVID-19 e sono a maggior rischio di morte in ospedale o ventilazione meccanica, in particolare se giovani ( età inferiore o uguale a 50 anni ).

I pazienti obesi sono anche a maggior rischio di tromboembolia venosa e dialisi.
Queste osservazioni supportano messaggi di salute pubblica chiari e una rigorosa aderenza alle strategie di prevenzione di COVID-19 in tutti gli individui obesi indipendentemente dall'età. ( Xagena2021 )

Hendren NS et al, Circulation 2021; 143: 135-144

Endo2021 Inf2021



Indietro