Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it
Pneumobase.it

Bevande zuccherate e peso corporeo negli adolescenti


Il consumo di bevande zuccherate potrebbe causare un eccessivo aumento di peso.

Uno studio ha valutato l’effetto sull’aumento ponderale di un intervento che prevedeva la fornitura a domicilio di bevande non-caloriche per gli adolescenti in sovrappeso e obesi.

Nello studio, 224 adolescenti in sovrappeso e obesi che consumavano regolarmente bevande zuccherate sono stati assegnati in maniera casuale ai gruppi sperimentale e controllo.

Il gruppo sperimentale è stato sottoposto per un anno a un programma per diminuire l’assunzione di bevande zuccherate, con un follow-up della durata di un ulteriore anno senza programma di intervento.

È stato ipotizzato che il gruppo sperimentale aumentasse di peso meno velocemente che il gruppo controllo.

Hanno completato lo studio il 97% dei pazienti a 1 anno e il 93% a 2 anni.

Al basale, il consumo riferito di bevande zuccherate è risultato simile nei gruppi sperimentale e controllo ( 1.7 dosi al giorno ); si è ridotto circa a 0 nel gruppo sperimentale a 1 anno ed è rimasto più basso nel gruppo sperimentale che nel gruppo controllo a 2 anni.

L’esito primario, il cambiamento nel valore medio di indice di massa corporea ( BMI ) a 2 anni, non ha mostrato differenze significative tra i due gruppi ( cambiamento nel gruppo sperimentale meno cambiamento nel gruppo controllo, -0.3; P=0.46 ).

A 1 anno, tuttavia, sono state osservate differenze significative tra i gruppi per quanto riguardava il cambiamento nell’indice di massa corporea ( -0.57, P=0.045 ) e nel peso ( -1.9 kg, P=0.04 ).

Sono emerse prove dell’effetto della modificazione in base a gruppo etnico a 1 anno ( P=0.04 ) e a 2 anni ( P=0.01 ).

In una analisi prespecificata in base al gruppo etnico, tra i partecipanti ispanici ( 27 nel gruppo sperimentale e 19 nel gruppo controllo ), è stata osservata una differenza significativa tra i gruppi nel cambiamento nell’indice BMI a 1 anno ( -1.79, P=0.007 ) e a 2 anni ( -2.35, P=0.01 ), ma non tra i partecipanti non-ispanici ( P maggiore a 0.35 a 1 e 2 anni ).

il cambiamento nel grasso corporeo come percentuale del peso totale non ha mostrato differenze significative tra i gruppi a 2 anni ( -0.5%, P=0.40 ).

Non sono stati osservati eventi avversi legati alla partecipazione allo studio.

In conclusione, tra gli adolescenti in sovrappeso e obesi, l’incremento nell’indice di massa corporea è risultato inferiore nel gruppo sperimentale che nel gruppo controllo dopo un programma di intervento di 1 anno disegnato per ridurre il consumo di bevande zuccherate, ma non al follow-up a 2 anni ( esito primario prespecificato ). ( Xagena2012 )

Ebbeling CB et al, N Engl J Med 2012; 367: 1407-1416


Endo2012 Pedia2012



Indietro