Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Dermabase.it

Cancro al polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato trattato in modo definitivo: l'obesità è associata a una migliore sopravvivenza nel lungo periodo


È stato determinato l'effetto prognostico dell'indice di massa corporea ( BMI ) nei pazienti trattati in modo definitivo con tumore al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) localmente avanzato.

In uno studio di coorte retrospettivo in un singolo Centro sono stati valutati 291 pazienti trattati per tumore NSCLC localmente avanzato nel periodo 2000-2010.
I pazienti sono stati stratificati in quattro gruppi secondo l'indice BMI sulla base dei criteri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità ( OMS ): sottopeso ( inferiore a 18.5 kg/m2 ), peso normale ( da 18.5 a inferiore a 25 kg/m2 ), sovrappeso ( da 25 a inferiore a 30 kg/m2 ) e obesi ( maggiore o uguale a 30 kg/m2 ).

La sopravvivenza globale è stata analizzata in base al gruppo BMI.

Le caratteristiche del paziente al basale e i parametri di trattamento erano simili tra i pazienti obesi e quelli con peso normale.

L'aumento dell'indice BMI è risultato associato a un miglioramento della sopravvivenza globale ( P=0.011 ), anche quando sono stati esclusi i casi sottopeso.

C'è stata una riduzione prolungata del 31-58% della mortalità dei pazienti obesi rispetto ai pazienti con peso normale ( hazard ratio, HR=0.68, 0.61 e 0.42, rispettivamente per ogni anno post-trattamento ).

L'uso di statine ( farmaci ipocolesterolemizzanti ) dopo la diagnosi è risultato altamente associato all'aumento dell'indice di massa corporea ( P minore di 0.001 ) e ha predetto una migliore sopravvivenza in un'analisi multivariata ( HR=0.60; P=0.011 ).

In conclusione, i pazienti obesi in questo studio retrospettivo hanno significativamente migliorato la sopravvivenza rispetto ai pazienti con peso normale.
I dati hanno indicato che l'effetto protettivo dell'obesità nel tumore NSCLC localmente avanzato non sia dovuto unicamente agli effetti a breve termine del trattamento, alla diminuzione dell'esposizione al fumo o ai fattori prognostici sfavorevoli dei pazienti sottopeso.
In particolare, anche l'uso di statine è risultato associato a una migliore sopravvivenza.
Sono necessari ulteriori studi per chiarire i meccanismi e i possibili fattori concomitanti alla base del paradosso dell'obesità nel cancro al polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena2017 )

Lam VK et al, Lung Cancer 2017; 104: 52-57

Onco2017 Pneumo2017 Endo2017



Indietro