Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Neurobase.it

Chirurgia bariatrica e prevenzione del diabete mellito di tipo 2 nei soggetti obesi


La perdita di peso protegge dal diabete mellito di tipo 2, ma è difficile mantenere il calo ponderale con la sola modificazione comportamentale.

In una analisi di dati da uno studio non-randomizzato, prospettico e controllato, sono stati esaminati gli effetti della chirurgia bariatrica sulla prevenzione del diabete mellito di tipo 2.

In questa analisi sono stati inclusi 1.658 pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica e 1.771 controlli obesi appaiati ( con l’appaiamento condotto a livello di gruppo piuttosto che a livello individuale ).

Nessuno dei partecipanti soffriva di diabete al basale.

I pazienti della coorte chirurgia bariatrica sono stati sottoposti a bendaggio ( 19% ), gastroplastica verticale con bendaggio ( 69% ) o bypass gastrico ( 12% ); i controlli non-randomizzati, appaiati e prospettici hanno ricevuto le cure tradizionali.

I partecipanti avevano tra i 37 e i 60 anni di età e un indice di massa corporea ( BMI ) uguale o superiore a 34 negli uomini e uguale o superiore a 38 nelle donne.

Le analisi si sono focalizzate sul tasso di diabete mellito incidente, che era uno degli endpoint secondari pre-specificati nello studio principale.

Al momento dell’analisi, i partecipanti erano stati seguiti per un periodo di tempo fino a 15 anni.

Nonostante l’appaiamento, alcune caratteristiche basali si sono mostrate significativamente diverse tra i gruppi; il peso corporeo al basale è risultato più alto e i fattori di rischio più pronunciati nel gruppo chirurgia bariatrica che nel gruppo controllo.

A 15 anni, il 36.2% dei partecipanti originali si era allontanato dallo studio e il 30.9% non aveva ancora raggiunto il tempo per la visita di follow-up a 15 anni.

Durante il periodo di follow-up, il diabete mellito di tipo 2 si è sviluppato in 392 partecipanti nel gruppo controllo e in 110 nel gruppo chirurgia bariatrica.

I corrispondenti tassi di incidenza sono stati pari a 28.4 casi per 1000 anni-persona e 6.8 casi per 1000 anni-persona, rispettivamente ( hazard ratio aggiustato con chirurgia bariatrica, HR=0.17; P inferiore a 0.001 ).

L’effetto della chirurgia bariatrica è stato influenzato dalla presenza o dall’assenza di alterata glicemia a digiuno ( P=0.002 per l’interazione ) ma non dall’indice di massa corporea ( P=0.54 ).

Le analisi di sensibilità non hanno modificato le conclusioni generali.

La mortalità post-operatoria è stata pari a 0.2%, e nel 2.8% dei pazienti che si erano sottoposti a chirurgia bariatrica è stata necessaria una nuova operazione entro 90 giorni a causa di complicanze.

In conclusione, la chirurgia bariatrica sembra essere molto più efficace delle cure standard per la prevenzione del diabete mellito di tipo 2 in persone obese. ( Xagena2012 )

Carlsson LM et al, N Engl J Med 2012; 367: 695-704


Endo2012 Chiru2012



Indietro