Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
XagenaNewsletter

Chirurgia bariatrica ed eventi cardiovascolari a lungo termine


L’obesità è un fattore di rischio per eventi cardiovascolari.
Un calo ponderale potrebbe proteggere da tali eventi ma mancano prove solide a sostegno di questa ipotesi.

Uno studio ha valutato l’associazione tra chirurgia bariatrica, perdita di peso ed eventi cardiovascolari.

Lo studio SOS ( Swedish Obese Subjects ) è uno studio non-randomizzato, prospettico e controllato condotto in 25 Dipartimenti pubblici di chirurgia e 480 Centri sanitari di primo livello in Svezia e ha coinvolto 2010 partecipanti obesi sottoposti a chirurgia bariatrica e 2037 controlli obesi trattati con le cure tradizionali.

I pazienti sono stati reclutati tra settembre 1987 e gennaio 2001 e le analisi sono state effettuate a dicembre 2009, con un follow-up mediano di 14.7 anni ( intervallo, 0-20 anni ).

I criteri di inclusione erano: età compresa tra 37 e 60 anni e indice di massa corporea di almeno 34 negli uomini e almeno 38 nelle donne.

I criteri di esclusione erano identici nei pazienti del gruppo chirurgia e nei controlli.

I pazienti chirurgici sono stati sottoposti a bypass gastrico ( 13.2% ), bendaggio gastrico ( 18.7% ) o gastroplastica verticale con bendaggio ( 68.1% ) e i controlli hanno ricevuto le cure tradizionali nel sistema sanitario svedese di primo livello.

A intervalli prestabiliti sono stati effettuati controlli fisici e biochimici e controlli incrociati del database.

L’endpoint primario dello studio SOS ( mortalità totale ) è stato pubblicato nel 2007.
Infarto del miocardio e ictus erano endpoint secondari predefiniti, considerati separatamente e in combinazione.

La chirurgia bariatrica è risultata associata a un numero ridotto di decessi cardiovascolari ( 28 eventi in 2.010 pazienti nel gruppo chirurgia vs 49 eventi in 2.037 pazienti nel gruppo controllo; hazard ratio [ HR ] aggiustato, 0.47; P=0.002 ).

Il numero di primi eventi cardiovascolari ( fatali o non-fatali ) totali ( infarto del miocardio o ictus, indipendentemente da quale si fosse presentato prima ) è risultato più basso nel gruppo chirurgia ( 199 eventi in 2.010 pazienti ) che nel gruppo controllo ( 234 eventi in 2.037 pazienti; HR aggiustato, 0.67; P inferiore a 0.001 ).

In conclusione, rispetto alle cure tradizionali, la chirurgia bariatrica è risultata associata a un ridotto numero di decessi cardiovascolari e a una minore incidenza di eventi cardiovascolari in adulti obesi. ( Xagena2012 )

Sjöström L et al, JAMA 2012; 307: 56-65


Endo2012 Chiru2012



Indietro