Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Dermabase.it

Efficacia clinica a lungo termine della terapia a pressione positiva continua nelle vie aeree rispetto alla terapia di ventilazione non-invasiva nei pazienti con sindrome obesità-ipoventilazione


La sindrome obesità-ipoventilazione viene comunemente trattata con la pressione positiva continua nelle vie aeree o la ventilazione non-invasiva durante il sonno.
La ventilazione non-invasiva è più complessa e costosa della pressione positiva continua nelle vie aeree, ma potrebbe essere vantaggiosa perché fornisce un supporto ventilatorio.

Ad oggi non sono stati condotti studi a lungo termine per confrontare queste modalità di trattamento.
È stata determinata l'efficacia comparativa a lungo termine di entrambe le modalità di trattamento.

È stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato e controllato in 16 Centri clinici in Spagna.
Sono stati inclusi pazienti di età compresa tra 15 e 80 anni con sindrome obesità-ipoventilazione non-trattata e indice di apnea-ipopnea di 30 o più eventi per ogni ora.
I pazienti sono stati assegnati casualmente, al trattamento con ventilazione non-invasiva o pressione positiva continua nelle vie aeree.

L'esito primario era il numero di giorni di ospedalizzazione all'anno.

Dal 2009 al 2013, 100 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo di ventilazione non-invasiva e 115 al gruppo di pressione positiva continua delle vie aeree, di cui 97 pazienti nel gruppo di ventilazione non-invasiva e 107 nel gruppo di pressione positiva delle vie aeree sono stati inclusi nell'analisi.
Il follow-up mediano è stato di 5.44 anni per tutti i pazienti, 5.37 anni nel gruppo di pressione positiva continua nelle vie aeree e 5.55 anni nel gruppo di ventilazione non-invasiva.

I giorni medi di ospedalizzazione per anno-paziente sono stati 1.63 nel gruppo di pressione positiva continua delle vie aeree e 1.44 nel gruppo di ventilazione non-invasiva ( rate ratio aggiustato, aRR=0.78, P=0.561 ).

Gli eventi avversi sono stati simili in entrambi i gruppi.

Nei pazienti stabili con sindrome obesità-ipoventilazione e apnea ostruttiva grave del sonno, la ventilazione non-invasiva e la pressione positiva continua nelle vie aeree hanno una efficacia a lungo termine simile.
Dato che la pressione positiva continua nelle vie aeree ha una complessità e un costo inferiore, potrebbe essere la modalità di trattamento della pressione positiva nelle vie aeree di prima linea preferita fino a quando non saranno disponibili ulteriori studi. ( Xagena2019 )

Masa JF et al, Lancet 2019; 393: 1721-1732

Pneumo2019 Endo2019



Indietro