Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

La Sibutramina è associata a miglioramento della funzione endoteliale nei pazienti obesi con malattia coronarica


Nei pazienti obesi con malattia coronarica, l’endotelio vascolare è generalmente alterato.

Ricercatori israeliani hanno valutato l’impatto della Sibutramina ( Usa: Meridia; Italia: Reductil ) sulla funzione endoteliale nei pazienti obesi con coronaropatia.

Un totale di 80 pazienti consecutivi, obesi, non ipertesi, con malattia coronarica stabilizzata sono stati assegnati in modo casuale a Sibutramina 10mg/die ( n = 40 ) o a trattamento di routine ( n = 40 ), per 4 mesi.

Il miglioramento percentuale nella dilatazione flusso-mediata ( FMD ) dell’arteria brachiale endotelio-dipendente e la vasodilatazione mediata dalla nitroglicerina endotelio-indipendente, sono state valutate al basale e dopo 4 mesi mediante ultrasonografia ad alta risoluzione.

Dopo 4 mesi, il peso corporeo iniziale si è ridotto dell’11.4% nel gruppo Sibutramina rispetto al 2.2% nel gruppo controllo ( p < 0.001 ), dimostrando un significativo miglioramento nella FMD percentuale post-intervento ( in media 8.9%; p = 0.01 rispetto al basale ) nel gruppo Sibutramina.

Nessun significativo miglioramento percentuale nella vasodilatazione mediata dalla nitroglicerina endotelio-indipendente è stato osservato nei 2 gruppi.

Il trattamento con Sibutramina è risultato anche associato ad una significativa riduzione della proteina C-reattiva, rispetto al trattamento di routine ( 44% versus 9%; p = 0.035 ).

Secondo gli Autori, la terapia di breve periodo con Sibutramina, associata alla dieta e ad interventi sullo stile di vita migliora la funzione endoteliale, valutata mediante dilatazione flusso-mediata dell’arteria brachiale nei pazienti con malattia coronarica stabilizzata, non ipertesi. ( Xagena2006 )

Shechter M et al, Am J Cardiol 2006; 97: 1650-1653


Endo2006 Cardio2006 Farma2006


Indietro