Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Mediexplorer.it

Rischio di suicidio e autolesionismo non-fatale dopo chirurgia bariatrica


La chirurgia bariatrica riduce la mortalità, ma potrebbe avere effetti negativi sulla salute mentale.
È stato valutato il rischio di suicidio e autolesionismo dopo chirurgia bariatrica rispetto al trattamento dell'obesità non-chirurgico.

Gli eventi di suicidio e di autolesionismo non-fatali recuperati dai registri svedesi a livello nazionale sono stati esaminati in due coorti.

Lo studio non-randomizzato, prospettico SOS ( Swedish Obese Subjects ) ha confrontato la chirurgia bariatrica ( n=2.010; 1369 gastroplastica a banda verticale, 376 bendaggio gastrico e 265 bypass gastrico ) con la cura abituale ( n=2.037; reclutamento 1987-2001 ).

La seconda coorte era composta da individui del registro SOREG ( Scandinavian Obesity Surgery Registry, n=20.256 pazienti con bypass gastrico ) abbinati a soggetti trattati con modificazione intensiva dello stile di vita ( n=16.162, intervento 2006-2013 ) su indice di massa corporea [ BMI ] al basale, età, sesso, livello di istruzione, diabete mellito, malattie cardiovascolari, storia di autolesionismo, abuso di sostanze, uso di antidepressivi, uso di ansiolitici e contatti con l’assistenza psichiatrica.

Durante 68.528 anni-persona nello studio SOS, i suicidi o gli eventi autolesionistici non-fatali sono stati più alti nel gruppo chirurgico ( n=87 ) rispetto al gruppo di controllo ( n=49; hazard ratio aggiustato, aHR 1.78; P=0.0021 ); di questi eventi, 9 e 3 erano suicidi, rispettivamente ( 3.06; P=0.11 ).

Nelle analisi per tipo di procedura primaria, è stato identificato un aumento del rischio di suicidio o di autolesionismo non-fatale per bypass gastrico ( 3.48; P=0.0010 ), bendaggio gastrico ( 2.43; P=0.011 ) e gastroplastica a banda verticale ( 2.25; P=0.0015 ) rispetto ai controlli.
Dei 9 decessi per suicidio nel gruppo di chirurgia di SOS, 5 si sono verificati dopo bypass gastrico ( 2 procedure primarie e 3 convertite ).

Durante 149.582 anni-persona, più suicidi o eventi di autolesionismo non-fatale sono stati segnalati nel gruppo bypass gastrico di SOReg ( n=341 ) rispetto al gruppo di modificazione intensiva dello stile di vita ( n=84; aHR 3.16; P minore di 0.0001 ); di questi eventi, 33 e 5 erano suicidi, rispettivamente ( 5.17; P=0.0017 ).

In SOS, l'abuso di sostanze durante il follow-up è stato registrato nel 48% dei pazienti ( 39/81 ) trattati con chirurgia e nel 28% dei controlli ( 13/47 ) con eventi di autolesionismo non-fatale ( P=0.023 ).

Corrispondentemente, l'abuso di sostanze durante il follow-up è stato registrato nel 51% dei partecipanti al gruppo di bypass gastrico di SOReg ( 162/316 ) e nel 29% dei partecipanti nel gruppo di modificazione intensiva dello stile di vita ( 23/80 ) con eventi di autolesionismo non-fatale ( P=0.0003 ).
Il rischio di suicidio e autolesionismo non è stato associato a un esito scarso di perdita di peso.

La chirurgia bariatrica è risultata associata al suicidio e all'autolesionismo non-fatale.
Tuttavia, i rischi assoluti sono bassi e non giustificano uno scoraggiamento generale della chirurgia bariatrica.
I risultati hanno indicato la necessità di una attenta valutazione preoperatoria della storia psichiatrica insieme alle informazioni sull'aumentato rischio di autolesionismo dopo l'intervento chirurgico.
Inoltre, i risultati richiedono sorveglianza postoperatoria con particolare attenzione alla salute mentale. ( Xagena2018 )

Neovius M et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 197-207

Endo2018 Chiru2018 Psyche2018



Indietro