Neurologia
Mediexplorer
Cardiologia.net

Associazione sesso-specifica tra indice di massa corporea e malattia coronarica


Il rischio di sviluppare malattia coronarica è diverso per sesso, e crescenti evidenze suggeriscono che esistono differenze di sesso nell'effetto dei fattori di rischio coronarico sul rischio vascolare.
Finora, l'esistenza di una differenza di sesso nell’associazione tra indice di massa corporea ( BMI ) e coronaropatia non è stata studiata in modo sistematico.

Dal momento che esistono dimorfismi sessuali nella composizione corporea, è stato postulato che l'associazione tra BMI e malattia coronarica possa essere diversa tra uomini e donne.

Sono stati ricercati studi di associazione longitudinale tra indice BMI e malattia coronarica nelle donne e negli uomini provenienti da coorti basate sulla popolazione.

L'endpoint primario predefinito era il rapporto donne / uomini ( dati aggregati ) degli hazard ratio aggiustati per età, o equivalenti, in relazione a indice BMI per malattia coronarica.

Sono stati inclusi nello studio i dati provenienti da 95 coorti, 1.219.187 partecipanti, e 37.488 casi incidenti di malattia coronarica.

Un più alto indice BMI è risultato significativamente associato alla malattia coronarica aggiustata per età: per un incremento dell’indice BMI di una unità ( kg/m2 ); l’hazard ratio è stato pari a 1.04 nelle donne e 1.05 negli uomini.

Rispetto alle persone di peso normale, l’hazard ratio di malattia coronarica aggiustato per età per il gruppo sottopeso era di 1.25 nelle donne e 1.09 negli uomini; per il gruppo in sovrappeso 1.20 nelle donne e 1.22 negli uomini; per il gruppo obeso 1.61 nelle donne e 1.60 negli uomini.
Nel complesso, queste associazioni non differivano tra i due sessi.

I rapporti donne / uomini tra gli hazard ratio erano 0.99 per un incremento di un’unità di indice BMI, 1.10 per il gruppo sottopeso, 0.99 per il gruppo in sovrappeso, e 1.06 per il gruppo obeso, rispetto al gruppo di peso normale.
Risultati simili sono stati ottenuti dopo aggiustamento multiplo in una serie di analisi di sensibilità.

Dallo studio è emerso che l’aumento dell’indice BMI ha gli stessi effetti deleteri sul rischio di malattia coronarica nelle donne e negli uomini in diverse popolazioni. ( Xagena2015 )

Mongraw-Chaffin ML et al, Lancet 2015;3:437-449

Endo2015 Cardio2015



Indietro